La storia del Turinabol

Tutte le sostanze steroidee hanno una lunga storia alle spalle , ma sarebbe difficile trovarne una tanto complessa, tanto conosciuta e davvero interessante come quella del turinabol; per un certo periodo, il Turinabol è stata una delle sostanze più famose al mondo ... sebbene non esattamente per giusti motivi.

La sua storia è strettamente correlata a quella del dianabol e potrebbe facilmente essere affermato che senza la creazione di dbol, il turinabol non esisterebbe.

Potresti saperlo oppure no, ma il dianabol (componente "base" di questo prodotto) fu inizialmente utilizzato per migliorare le prestazioni degli atleti americani, e fu successivamente testato su alcune delle più importanti figure sportive del tempo al fine di "uniformare" il livello di gioco alle Olimpiadi.

L'anno in cui questo avvenne fu il 1960, e all'epoca i russi avevano già effettuato analoghi test e utilizzato gli steroidi anabolizzanti in maniera concreta ed efficace in tale settore. Il Dottor John Bosley Ziegler (USA) fece delle ricerche e condusse degli esperimenti sul testosterone, i cui risultati hanno portato alla creazione di un prodotto oggi conosciuto come "dbol".

I risultati furono a dir poco straordinari (dopo davvero tante ricerche, ma questa è un'altra storia), e dire che il farmaco ebbe un grande impatto sugli atleti che lo assumevano sarebbe un grande eufemismo.

Si rivelò così efficace infatti, che ebbe "risonanza" anche in altre parti del mondo, precisamente in Germania dell'Est, dove i ricercatori tentarono di sviluppare un prodotto in grado di migliorare le prestazioni degli atleti in maniera alternativa ai prodotti "organici" e naturali.

La Germania dell'est sapeva già che il dianabol costituiva senza dubbio un mezzo efficace. Questo era ovvio grazie ai risultati ottenuti dagli americani; quindi perché non ottenere lo stesso successo in modo immediato?

Come capita sempre quando si crea un nuovo prodotto, una volta che questo si diffonde, tutti ne vengono a conoscenza. L'uso del dianabol nel "settore" del bodybuilding iniziò a diventare rischioso.

Divenne sempre più facile sapere se qualcuno stesse assumendo il dianabol; non solo il suo utilizzo migliorava le prestazioni atletiche ma comportava anche evidenti cambiamenti fisici durante l'assunzione.

Sebbene i test antidoping non rilevavano inizialmente tale sostanza, non ci voleva molto a notare gli evidenti cambiamenti (fisico sviluppato e forza aumentata).

Detto questo, possiamo dire che non si sentiva davvero il bisogno di rilevare tale sostanza (almeno inizialmente); quel periodo fu avvertito come un periodo di "guerra fredda e lotta a tali sostanze" tra la comunità di atleti, anche se sicuramente le autorità erano a conoscenza dell'uso di dbol... potremmo dunque dire che, da un certo punto di vista, le autorità ne incoraggiarono l'utilizzo.

Ma poco importano le teorie perché, come vedremo, alla fine l'utilizzo del prodotto sarà vietato.

L'America decise di "vietare "l'uso di qualsiasi sostanza anabolizzante. Per tale motivo gli steroidi divennero ben presto il nemico pubblico numero uno, anche grazie alla denuncia di alcuni paesi nei confronti della Russia che permetteva di utilizzare gli steroidi per fini atletici (poco importandosene del loro corretto utilizzo.)

Che ci crediate o no, non è stato fino a 1967 che possiamo davvero individuare (con precisione) qualsiasi vera contromisura implementata per quanto riguarda la lotta contro l'uso di droghe nell'atletica (come dimostrato da questo eccellente cronologia.)

Con dbol essere integrato in 1960, questo significa le droghe erano dilaganti all'interno degli sport (almeno americani) comprese le Olimpiadi per sette anni (e questo non tiene conto dell'era pre-dbol) in una capacità incontrollata.

La casa farmaceutica Jenapharm situata in Germania Est, venuta a conoscenza delle critiche dell'opinione pubblica, sviluppò e sperimentò una nuova sostanza che fosse in grado di migliorare le prestazioni atletiche senza importanti ed evidenti cambiamenti fisici, almeno nelle prime fasi del suo utilizzo.

Stiamo ovviamente parlando del Turinabol; utilizzato inizialmente nel 1965 per scopi medici, si diffuse rapidamente dopo un anno anche in ambito sportivo (1966).

Tutto questo precede le "contromisure" regolamentari che saranno adottate l' anno dopo ed è la prova di una mentalità lungimirante da parte dei ricercatori della Germania Est.

La 'ricetta' del Tbol era già conosciuta dal 1962, è strano quindi che non si ebbe una produzione su vasta scala nei tre anni successivi all'uscita di questo "progetto".

Sebbene sia puramente teorico dirlo, è abbastanza ragionevole pensare che si sia parlato di uso medico solo al fine di testare questa sostanza; ciò ha rappresentato il "vero" scopo del prodotto; questo spiegherebbe perché nessuno aveva avuto "fretta" di sviluppare il prodotto per uso medico nei tre anni precedenti la sua messa in circolazione ufficiale.

Detto ciò, il prodotto fu molto efficace in ambito medico durante questo breve periodo; uno dei motivi per cui questo prodotto fu ritenuto indispensabile e "utile" era il suo basso potere androgeno rispetto alla sua capacità anabolizzante.

Ciò significava che poteva essere somministrato a donne e bambini e non solo a uomini e a coloro che utilizzavano già sostanze anabolizzanti più "potenti" . Veniva somministrato in dosi da 1mg e 5mg in base alla sensibilità dei prodotti androgeni / anabolizzanti.

Fu efficacemente impiegato nel trattamento dell'atrofia muscolare ed inoltre per ripristinare o preservare l'integrità strutturale dello scheletro. È un peccato quindi che gli "effetti" benefici di questo prodotto fossero pubblicamente infangati a livello mondiale.

Tornando a parlare della storia del prodotto, la Germania Est alla fine ritornò a lavorare sul dbol, sapendo già che la sua creazione sarebbe stata di grande successo; modificò quindi la sostanza facendo in modo che la ritenzione di massa, il progressivo sviluppo, la resistenza muscolare ed un aumento della forza fisica fossero possibili.

Da un punto di vista puramente atletico, questo fatto Tbol a creazione davvero notevole. Così notevole, infatti, che per quasi tre decenni, Germania dell'est bene e veramente dominato il campo dell'atletica leggera.

Certo, niente dura per sempre; alla fine, il doping su larga scala degli atleti tedeschi venne alla luce in modo evidente, e turinabol orale fu considerata una sostanza "dannosa" da parte dei vari governi, e successivamente ne fu vietato l'utilizzo.

Se hai dato una lettura al link precedente, avrai notato che più di 150 atleti hanno tentato di citare in giudizio la casa farmaceutica Jenapharm ritenendola colpevole della somministrazione di turinabol durante il famigerato regime della "Macchina del Doping della Germania dell'Est".

Tutto ciò avvenne poiché la maggior parte, se non tutti gli atleti, non erano consapevoli di essere stati soggetti alla somministrazione di questo farmaco (a molti veniva detto che stavano semplicemente prendendo vitamine). L'intero programma era un piano sponsorizzato dal governo per spadroneggiare in ambito sportivo e mostrare al mondo la "potenza" del comunismo.

Poiché vi è stata un'integrazione sbagliata del prodotto per molto tempo, (e si ignoravano dunque le possibili forme di prevenzione disponibili) molte persone hanno riscontrato importanti problemi fisici, anche se avevano assunto dosi minori del prodotto (circa un massimo di 35mg al giorno) rispetto a quelle attualmente utilizzate (approssimativamente 80mg al giorno.)

Questa storia provocò un grande scandalo mediatico e di conseguenza la Germania Est divenne la nuova "Russia"; da quel momento in poi fu vista come una macchina di corruzione pura alimentata da un sinistro desiderio di dominio del mondo, almeno nell'ambito atletico.

Ciò che potremmo pensare o meglio, ciò che potremmo chiederci è: in che modo il progetto di doping sponsorizzato dallo stato assomiglia a quello degli Stati Uniti agli inizi del 1960?

Molto probabilmente la verità non sarà mai del tutto rivelata, ma è possibile che l'America "abbia dimenticato" il proprio passato mettendo invece in risalto il reato commesso dalla Germania Est così come aveva fatto con la Russia diversi anni prima.

Non appena il turinabol divenne la "nota" sostanza che permetteva alla Germania Est di dominare lo scenario sportivo, la sua produzione ufficiale fu bloccata ovunque. Ciò significava che a partire dalla fine degli anni 80 in poi, l'unico mezzo che si possedeva (e che ancora si ha) per ottenerlo era quello di procurarselo dai laboratori non ufficiali.

Tutto ciò è una vergogna, in quanto è stato dimostrato che questo prodotto utilizzato in ambito medico è risultato davvero utile per tutti coloro i quali non potevano permettersi l'acquisto di prodotti simili e più costosi; probabilmente sarebbe stato anche oggi molto utile se solo i media non l'avessero etichettato come un prodotto soltanto dannoso.

Scroll Up